La tua guida professionale, il tuo fornitore ideale! 
  • Approfondimento sezione RISORSE di FerramentaOnline
  • Approfondimento sezione RISORSE di FerramentaOnline
 

Perché realizzare un impianto di irrigazione a goccia?

Risorse - Orto Giardino
Scritto da FerramentaOnline   
Domenica 24 Luglio 2016 09:00

Semplice, per calibrare correttamente l'acqua necessaria ad ogni singola pianta, mantenendo il terreno perfettamente irrigato ma senza sprechi. Realizzare un impianto a goccia è veramente molto semplice. Prima di tutto è importante studiare a tavolino quante linee di irrigazione saranno necessarie, in base alle diverse tipologie di piante presenti (vedi tabella).

Normalmente negli impianti residenziali più semplici una o due linee sono sufficienti per garantire il giusto apporto di acqua ad ogni pianta, diversamente negli impianti più complessi si renderà utile utilizzare anche 4, 6 o più linee di irrigazione per soddisfare le diverse richieste di apporto d'acqua.

Chi si occupa di gestire accuratamente l'apertura e la chiusura dell'impianto nella singola o nelle diverse linee di irrigazione è il programmatore di irrigazione, il cuore dell'intero impianto. Durata e frequenza di irrigazione vengono gestite dal programmatore, in base alle diverse esigenze impostabili in fase di realizzazione o successivamente.

Dal programmatore l'acqua passa attraverso i tubi di mandata principali, ai tubi capillari fino ai gocciolatori e ai microirrigatori, che garantiscono il costante e preciso apporto d'acqua per ogni pianta o terreno. Tutto quì, facile da pensare e semplice da realizzare!

Un impianto di irrigazione a goccia permette di risparmiare tempo ma soprattutto il bene più prezioso: l'acqua. Rispetto ai sitemi di irrigazione tradizionali, la pressione richiesta in un impianto a goccia è inferiore, ma poter stabilire frequenza e durata di irrigazione in base alla tipologia di pianta e di terreno (argilloso, sabbioso, etc.) è senza ombra di dubbio un vantaggio fondamentale in termini di risparmio.

Inoltre irrigare troppo o troppo poco può provocare seri danni alle piante, danni che possono essere evitati con un semplice impianto di irrigazione a goccia, che si occupa di getire le giuste dosi d'acqua in base alla pianta, al terreno e alla stagione (quindi al clima).

Questo genere di impianti possono venire utilizzati per l'irrigazione delle diverse piante sul terrazzo, ognuna con le proprie esigenze, oppure per le diverse coltivazioni dell'orto, diversificando l'apporto d'acqua necessario per ogni coltura. Ad esempio la pianta del pomodoro non gradisce ristagni d'acqua che potrebbero causare dei funghi e l'insalata apprezza di gran lunga un'irrigazione molto delicata a pioggia. Anche in giardino un impianto a goccia o di microirrigazione è la soluzione più indicata per soddisfare le esigenze di ogni singola pianta o area verde.

Che cosa serve per realizzare un impianto a goccia "fai da te"?

Quindi, per la realizzazione di un valido impianto di irrigazione a goccia, possiamo iniziare selezionando il programmatore più idoneo alla gestione della linea di irrigazione. Se l'impianto è stato progettato con due o più linee di irrigazione si opterà per una centralina in grado di gestirle tutte separatamente.

Il programmatore va installato direttamente sul rubinetto e l'acqua viene convogliata attraverso il tubo di mandata principale (tubo collettore), solitamente un tubo in polietilene da 1/2" (interno 13mm ed esterno 16mm), collegato al programmatore con un comune raccordo rapido portagomma o un raccordo filettato porta tubo.

Programmatori impianti irrigazione

Con il tubo collettore in polietilene è possibile "tracciare" il percorso più indicato in giardino, nell'orto o in terrazza, attraverso piante e colture diverse. Ad ogni pianta viene collegato il singolo irrigatore o gocciolatore attraverso un tubo capillare più piccolo da 1/4" che viene collegato al tubo collettore di mandata attraverso un adattatore, applicabile facilmente dopo aver effettuato un semplice foro sul tubo in corrispondenza di ogni derivazione prevista. Al piccolo tubo capillare è possibile applicare un rubinetto di linea per avere il massimo controllo dell'acqua su ogni derivazione.

Rubinetto di linea

E' possibile collegare i gocciolatori direttamente al tubo collettore oppure al tubo capillare per portarli proprio a ridosso delle piante da irrigare, obbligando il tubo capillare a seguire il percorso corretto tramite le apposite astine (picchetti).

GocciolatoreGocciolatore in lineaPicchetti di sostegno

La scelta del gocciolatore è legata al tipo di irrigazione che si intende ottenere per la singola pianta o gruppo di piante. Per lunghe derivazioni, dove il numero di gocciolatori diventa importante, è possibile installare un gocciolatore autocompensante per garantire un'erogazione costante d'acqua da inizio a fine linea.

Gocciolatore autocompensante

Per bagnere zone circolari è possibile optare sull'utilizzo di microirrigatori, installabili direttamente sul tubo collettore oppure sul tubicino capillare, ma è anche possibile montarlo su apposite astine rigide per sollevarlo da terra e rendere quindi il getto più arioso. Sono disponibili microirrigatori in grado di coprire aree circolari di 360 gradi oppure frazioni di 90 o 180 gradi.

Esistono anche microirrigatori con flusso regolabile fino alla chiusura totale, per avere il massimo controllo sulla linea, regolando o interrompendo completamente l'apporto d'acqua. Hanno solitamente una copertura di 360 gradi e possono irrigare anche aree di 50/60 metri quadrati.

La manutenzione di un impianto a goccia risulta inoltre priva di particolari problematiche, anche se è consigliabile, a fine stagione, una pulizia sotto acqua corrente di gocciolatori ed irrigatori, per avere la certezza di ritrovarli in perfette condizioni per la primavera successiva. Crediamo sia superfluo sottolineare che è anche opportuno scollegare il programmatore dalla presa rubinetto, togliere le batterie e riporlo in un ambiente interno per preservarlo dalle rigide temperature del periodo invernale.

Di seguito qualche esempio pratico, per realizzare un impianto in terrazza o in serra, dal tradizionale impianto completamente manuale ai più automatizzati impianti a goccia o di micro-irrigazione per orto e per giardino.

Esempio impianto di irrigazione tradizionaleEsempio impianto a goccia per terrazzoEsempio impianto a goccia per terrazzo
Impianto per orto con centralinaEsempio impianto per orto a gocciaEsempio impianto a goccia per serra

Immagini e testi per questo articolo sono stati rielaborati prendendo spunto dalle innumerevoli informazioni sull'argomento disponibili sul sito della Claber, azienda presente con molti dei suoi prodotti nel nostro catalogo online, ed al quale vi rimandiamo per ulteriori approfondimenti sul tema.  

Acquista online

AddThis Social Bookmark Button
 
Smerigliatrice professionale Hitachi
 
Network
Tenetevi in contatto con FerramentaOnline e condividete i contenuti attraverso le più popolari piattaforme e Social Network.
RSS Feed FerramentaOnline
Canale YouTube ufficiale FerramentaOnline
Garanzie
Competenza, assistenza ed affidabilità. Oltre ad un listino prodotti assolutamente competitivo. Un servizio studiato per chi lavora!
FerramentaOnline Staff
Leggi tutti i Feedback
Le nostre Garanzie
© 1999-2016 | P.Iva 01721210308 | Tutti i componenti, marchi, nomi commerciali o aziendali, presenti o citati all'interno di questo sito appartengono ai rispettivi Proprietari e sono stati utilizzati a scopo esplicativo ed a beneficio del possessore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright. Maggiori informazioni